Piacevoli conversazioni in terre padane, capitolo ottavo

…ma che cos’è???

Dovete comprendere che la padania è una terra eccellentissima. Tale affermazione non può essere compresa dal popolino, ma ivi cercheremo di darvene una dimostrazione.
La padania è una terra eccellentissima, ed eccellentissime sono le persone che quivi vivono. La padania è una terra dove tutto funziona, in primis quei meravigliosi convogli volgarmente denominati “treni”; la padania è una terra dove ogni cosa è misurata, razionale, ponderata, calcolata; la padania è una terra di scienza, cultura, informazione, razionalità, tecnologia.
Poi naturalmente, come in ogni terra, c’è anche una piccola parte di padania che fa da pecora nera: persone che non rispettano questi canoni di eccellenza, e che quindi, ad esempio, ogni tanto scioperano perché non sono mai contenti, oppure dimostrano una cultura generale pari a quella di una babbuino australiano, oppure si dimostrano informati sull’attualità nazionale quanto sulle geometrie non euclidee. Ecco, sì, naturalmente persone così esistono anche in padania, ma sono una piccola percentuale – qualcosa attorno al 98%.
Ma dicevamo che la padania è terra di razionalità. È naturale che, in una ambiente di cotale eccellenza, la superstizione è solamente un lemma per le parole crociate. Laddove vengono ospitate le vite terrene e volatili della créme italiana, laddove ogni cosa è perfetta, è assolutamente impensabile, facciamo qualche esempio, credere ai sogni, interpretare le coincidenze come segni di un Caso regolatore (o ancora peggio, di qualche divinità…), o fidarsi degli oroscopi, che si sa, sono scritti basandosi su un attento studio degli astri e un’accurata analisi eseguita con la migliore tecnologia del caso (mica scritti da uno studente di giornalismo con un contratto di stage a 300 dinari al mese, tzé…).
Date codeste fondate e certe premesse, capirete bene come mai la nostra donzella, una sera, mentre sorseggiava un meraviglioso infuso al gusto di vaniglia e lamponi, rimase alquanto sconvolta dalla conversazione che si stava sviluppando tra le persone sedute attorno a lei.
“Miiii ma lo sai che mia mamma ha rotto lo specchio stamattina? ahahah, e io le ho detto, miiii ma che sfigata che sei, e adesso hai sfiga per sette anni!!” [“sfiga” dovrebbe significare qualcosa come “sfortuna”, mentre “sfigato” dovrebbe assumere un significato più simile a “deficiente”, ma la fanciulla si riserva di controllare il lemma sul proprio Zanichelli].
“Noooo, ma dai, io agli specchi non ci credo mica! mia mamma crede ai sogni invece! una volta ha sognato mio cugino, e ha chiamato subito a casa per sapere se stava bene, mamma che paura!”
“Eeee ma poi anche tu avevi sognato quella ragazza, come si chiamava, S?”
“Eh sì! c’era la sorella del ragazzo di B, e nel sogno stava male… e dopo qualche giorno stava male davvero! io me lo sentivo, era tutta pallidina, sisi…”
“Ohhh ma sai che invece io ho sognato te l’altra notte?”
“Ohhh che bello! mi hai appena allungato la vita!”.
E via così, tra risatine e frivolezze. La fanciulla, incredula di fronte a tali prodigi medici, sorseggiò il suo infuso, e ripensò al suo oroscopo per l’anno nuovo, originalissimo e accuratissimo, letto per sbaglio quella mattina stessa:

LEONE: Quest’anno vi porterà gioia, fortuna, soldi e amore. Diffidate di chi vi parla alle spalle: avrete la vostra rivincita. Siate pronti a fare nuove conoscenze, potreste avere grandi sorprese. Impegnatevi nello studio e nel lavoro, raccoglierete frutti meravigliosi!

Che dite: la fanciulla deve incominciare a preoccuparsi?

IMG_0944

40 pensieri su “Piacevoli conversazioni in terre padane, capitolo ottavo

  1. Tranquilla, noi leonesse affrontiamo qualsiasi cosa, anche la sfiga🙂
    Anche io sono della pianura padana, ma penso che la superstizione sia radicata più che altro nell’uomo in sè che legata a una certa terra…

  2. E forse la Padania potrebbe essere un posto dove la gente non fa a gara per mostrare la sua indifferenza, magari con un pizzico di umiltà in più, oltre che di conoscenza della storia e della vita. Insomma, un mondo migliore? Senz’altro e mi piacerebbe anche se ci fosse veramente. Ma non la chiamerei Padania, qualcuno (sprovveduto?) potrebbe equivocare e pensare che esista davvero, l’ironia non è facile da cogliere, non per tutti comunque, credo, che dici?.

    Vado avanti a leggere! ,)

  3. La tua Padania che non esiste assomiglia stranamente a un paese che conosco…non sarà che abbiamo fatto lo stesso sogno ? Però se ascolti bene le parole dell’oroscopo “…Siate pronti a fare nuove conoscenze, potreste avere grandi sorprese….” …sembra un annuncio di buoni auspici …..Almeno possiamo sperare che la fine del mondo sia rimandata …così che la tua Padania possa continuare ad essere raccontata, anche perché solo così capiremo come mai non esiste, se non nei sogni. Aspetto il capitolo nono per una conferma. Con un augurio e un sorriso per te.

  4. Solo una cosa: dove l’hai presa la (bellissima) espressione “una cultura generale pari a quella di un babbuino australiano”?
    Che, ci sono i babbuini in Australia? Autoctoni voglio dire… :=)

  5. secondo me confondi padania con germania… hai una visione un po edulcorata delle terre abitate nella penisola, dal tacco alle alpi, vi è un’unica differenza riscontrabile nel clima, nella geografia fisica del continente, i modi di fare, “le culture”, la politica demagogica del potere, dei “paesani frustrati” (ergo villani, da “villaggio”) vassalli americani(anche perchè da soli non siamo mai stati nulla se non servi di un padrone), che non reggono il confronto con l’europa, sono comuni ad ogni borgata(spacciata per City), così com’è comune la fiction, la mascherata, il bisogno di travestirsi col design(di dubbia valenza estetica) di una macchina rampante rossa o il vestito(altrettanto “curioso”)disegnato dai ricchioni milanesi(che fingono anche loro, cittadinanza, perchè sono terroni), la pummarola an goppa più sana, avvelenata dai pesticidi, la pasta ed i biscotti della marca più famosa macinata e cucinata in stabilimenti all’eternit, la mozzarella di bufala con pezzi di plastica e con il pus della mastite delle bufale e/o vacche, le auto sportive del popolo(alfaromeo) che ormai da secoli hanno perso la trazione posteriore(unico appeal sportivo e di marchio artigianale delle alfa), per questo si comprano BMW e Mercedes… è tutto falso, di scarsa qualità(anche le università più famose, sono universimentifici; sfornano asini che domani staranno dietro un tavolo operatorio), tossico, avvelenato, ma camuffato con una bella confezione(che appena la tocchi si polverizza con il contenuto)che richiama i fasti di anrtiche glorie artigianali delle quali dal dopo guerra ad oggi non restano che gli adagi da WOP che all’estero usano per descriverci: Italiani, mafia, spaghetti pizza e mandolino(made in china!!), evergreen intramontabili, anzi da qualsiasi parte del comparto cultura, politica, culinaria, arte, ci impegnamo per mantenerli tali ed alimentarli nel peggio.

    • Io vivo qui, e vedo quello che ho attorno: e ve ne racconto, una parte, con un certa dose di ironia. Siam qui, e possiamo tenerci questo mondo, andarcene, o provare a cambiarne qualche piccolo pezzettino attorno a noi😉

  6. Passo veloce, e me scuso, ho letto velocemente, e me ne arriscuso. L’anno nuovo mi renderà più solerte. Mi e ci regalerà maggiore tranquillità e dunque il mio esser qui è unicamente per farti cari Auguri per l’anno che verrà, che sia migliore e cmq non peggiore degli ultimi.

    sheraunabbraccioooooo

  7. Hai un’ironia sopraffina🙂
    P.s.: a proposito di segni zodiacali e di leoni, nella mia auto-descrizione (sul mio blog) affronto anche il nefasto effetto delle domande inerenti il mio segno zodiacali…:D

  8. Ah ah post giustamente ironico… da abitante della cosiddetta Padania (che però non esiste) non posso che essere d’accordo. Aggiungerei solo una cosa… sono per l’abolizione del termine “eccellenza” 🙂 un saluto e un sorriso

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...